Summit di mercato Inter: alla fine tutto resta uguale?

Tempo di lettura: 1 minuto

Dalla cena di ieri sera si è capito che l’Inter vorrà trattare la situazione con freddezza.

Questo emerso dall’incontro di ieri sera tra dirigenza ed allenatore,
Steven Zhang, Beppe Marotta, Alessandro Antonello, Giovanni Gardini e Piero Ausilio si sono infatti incontrati con Spalletti per discutere dell’immediato futuro. Risultato: nessuno esce se non c’è un sostituto, ma sopratutto niente cose fatte dettate dalla fretta.

Sintomo che la valutazione della rosa è comunque adeguata per arrivare nella zona Champions. E che quindi per cambi radicali si aspetterà l’estate, forse con un nuovo allenatore. Non avrebbe dunque senso stravolgere una rosa senza avere prima la certezza che sarà ancora Spalletti alla guida della squadra.

Zhang e Marotta sugli spalti di San Siro

Unica operazione fattibile al momento è un innesto in difesa al posto di Miranda richiesto dal Monaco. Operazione che non andrebbe ad intaccare gli equilibri, anche se ormai precari, della rosa. Si accellererà per il giovane Bastoni già di proprietà?

Intanto è arrivato il “no” secco del Parma per Bruno Alves, profilo simile a quelli di Miranda ed è stato proposto Vida, su di lui c’è anche la Roma. Il rientro anticipato del giovane centrale italiano in prestito sembra al momento l’opzione più semplice ed ovvia, anche in chiave prossima stagione.

Punteggio Articolo

0 points
Upvote Downvote

Written by Andrea Marsili

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento…

0

Comments

0 comments

Emery conferma: “Perisic? Ci serve un esterno”.

Inter, blackout invernale: tutte le serie nere dal triplete a Spalletti