Scopriamo l’Eintracht Francorte, avversario agli ottavi!

Tempo di lettura: 2 minuti

Per l’Inter c’è l‘Entraicht Francorte agli ottavi di Europa League. Avversario temibile, che ha già sconfitto la Lazio andata e ritorno in maniera agevole.

Dopo la vittoria netta sul Rapid Vienna, l’Inter esce dal sorteggio di Nyon con più di qualche insidia: contro gli avversarsi tedeschi dell’Eintracht, guidato dall’allenatore Adi Hutter. Dopo 6 vittorie su 6 gare nel girone di Europa League, le Aquile hanno affrontato ai sedicesimi lo Shaktar Donetsk, battuto per 4-1 in casa nella partita di ritorno. Sicuramente uno dei punti di forza della squadra è la Commerzbank-Arena, stadio ristrutturato in occasione dei Mondiali del 2006, capace di creare un’atmosfera pazzesca.

Il botta e risposta sui social tra i due club

In Bundesliga le cose vanno decisamente peggio: settima in classifica, con la Champions League poi non così tanto distante. Sicuramente più alla portata, è una nuova qualificazione in Europa League, dove l’Eintracht ha già mostrato ottime cose.

Punto di forza della squadra è sicuramente l’attacco, formato dalla stella classe ’97 Luka Jovic, in prestito dal Benfica e seguitissimo da importanti club, senza dimenticare Sebastien Haller. Entrambi esplosi in questa stagione, hanno già messo a segno ben 36 reti.

Dietro le punte la classe di Mijat Gacinovic, connazionale di Jovic, e l’esterno Kostic, dotato di una grande spinta e un buon tiro. Jolly della squadra è Ante Rebic, conoscenza del nostro campionato nella Fiorentina, capace di occupare più zone del campo.

Si comincerà in trasferta, giovedì 7 marzo alle 18,55. Ritorno fissato una settimana più tardi, con soli tre giorni di distanza dal derby. L’Inter si prepara quindi ad affrontare l’Eintracht, l’ultima squadra tedesca fu il Wolfsburg, trascinato da De Bruyne, ad eliminarci agli ottavi. La chiave sarà l’intensità e chiaramente uscire indenni dalla trasferta di Francoforte.

Punteggio Articolo

0 points
Upvote Downvote

Written by Francesco Serboni

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricamento…

0

Comments

0 comments

L’importanza di chiamarsi Diego

0-0 a Francoforte: discorso rinviato al ritorno!